www.buteraonlinevideo.it


Vai ai contenuti

Menu principale:


nivinagghi ( indovinelli )

Tradizioni Siciliane

Il tempo libero

‘Nn terra nasci, ,n piettu pasci, ‘n cammara sta, chi bellu cantu fa
Dalla terra nasce, sul petto pascola, su in camera sta, che bel canto fa
Il violino

‘N manu ci va e intra la cascia nun ci va
Nella mano ci sta, nella cassa non ci sta
Il fucile

Un gnuornu ca nun vivu, du’ iorna ca nun manciu, tn ghiorna ca travagliu, quattru iorna ca nun duormu, cincu figli haiu, e ‘na muglieri siemmu setti; donna, portami un cavaddu ca ti lu benedici lu re di lu cielu.
Un giorno che non bevo, due giorni che non mangio, tre giorni che lavoro, quattro giorni che non dormo, cinque figli ho, e una moglie e siamo sette; donna, portami un cavallo 7che te lo benedice il re del cielo
Le carte da gioco

Trentasìa a l’appedi e quattru a cavaddu
Trentasei a piedi e quattro a cavallo
Le carte sicilane

Si si’ veru pueta virtuosu m’ha diri unna sta lu vientu appisu
Se sei vero poeta virtuoso mi devi dire dove sta il vento appeso
La ciaramella

‘Mmurdutu bon ‘rnmurdutu, muortu di fami e strafuttutu
Legato, ben legato, morto di fame e strafottuto
Il tamburo

Stripiti, stripitellu, quannu stripiti pari bellu, si ti minti a stripitiari tutti li genti fa’ taliari
Strepito’ strepitello, quando strepiti sembri bello, se ti metti a strepitare tutte le persone fai guardare
Il fuoco d’artificio

Fridda cuomu lu ghiacciu, gialla di natura, quannu la sò vuci s’abbicina assai genti si trascina
Fredda come il ghiaccio, gialla di natura, quando la sua voce si avvicina molta gente si trascina.
La tromba

Cata, catammara, finestra e gilusìa, di deci ittati ‘n terra unu sulu ca passìa
Cata, catammara, finestra e gelosia, di dieci buttati a c’ uno solo che terra passeggia.
La chitarra


In campagna

Nn terra nasci, ‘n terra pasci fa lu fruttu e nun hiurisci.
In terra nasce,in terra si nutre, fa il frutto e non fiorisce.
Il fungo

Nun iè mari e fa l’unni, nun iè puorcu e havi li ‘nziti.
Non è mare e fa le onde, non è porco ed ha le setole.
Il grano

Nun iè cuoriaru e havi cuoriu, nun è pannieri e havi pannu, nun è curaddaru e havi curadda, nun iè re e havi la cruna, nun iè gaddu e havi li spruna.
Non vende cuoio ed ha cuoio, non vende panno ed ha panno, non vende coralli ed ha coralli, non è re ed ha la corona, non è gallo ed ha gli speroni.
Il melograno

A la ma signura ci tagliu li trizzi, all’annu ca veni ci attaccu li lazza, quannu iè ura li sò billizzi li va arrialannu ndi li tazzi.
Alla mia signora le taglio le trecce, all’anno che viene le stringo i legacci, quando è ora le sue bellezze le va regalando nelle tazze.
La vigna

Haiu ‘na scatula di rubini, sunu gruossi e sunu fini, su’ tutti di un culuri, cu lu ‘nzerta iè dutturi.
Ho una scatola di rubini, sono grossi e sono fini, sono tutti di un colore, chi l’indovina è dottore.
Il melograno

Tunnu cuomu lu munnu e nun iè munnu russu cuomu lu fuocu e nun iè fuocu, virdi cuomu l’aglia e nun iè aglia, nun iè campana e tona.
Rotondo come il mondo e non è mondo, rosso come il fuoco e non è fuoco, verde come l’aglio e non è aglio, non è campana e risuona
Il melone

Sugnu ata quantu un palazzu, arrivu ‘n terra e nun mi sfazzu, bianca sugnu e niura mi fazzu, vai ‘n chiesa e lustru fazzu.
Sono alta quanto un palazzo, arrivo a terra e non mi spappolo, bianca sono e nera mi faccio, vado in chiesa e luce faccio.
L’uliva

‘N capu ‘na muntagnazza c’è ‘na vicchiazza ca si ci taglia testa bustu e pedi.
Sopra una brutta montagna c e una vecchiaccia e le si tagliano testa, busto e piede
Il frutto del ficodindia

Du’ puncenti, du’ lucenti, quattru zuocculi e ‘na scupa.
Due pungenti, due lucenti, quattro zoccoli e una scopa.
Il bue

Dimmi cu’ vivi acqua e piscia vinu.
Dimmi chi beve acqua e piscia vino.
La vigna

Di un atu e bieddu palazzu cadu ‘n terra e nenti mi fazzu, e ma matri ca mi vidi ‘mmeciu di cianciri si minti a ridiri.
Da un alto e ben palazzo cado a terra e non mi ammazzo, e mia madre che mi vede invece di piangere si mette a ridere.
La castagna

Lu patri luongu luongu, la matri assai sturtigfla, e la figlia amurusa ca cu’ passa s’annammUra.
Il padre lungo lungo, la madre assai contorta, e la figlia amorosa che chi passa s’innamora.
La vite, il tralcio e l’uva

Du’ zucca, muli pampini e ‘na rosa.
Due tronchi, mille foglie e una rosa.
Il gallo

Biancu cavaddu, russu cavalieri, cincu ca lu vanu a sippilliri.
Bianco cavallo, rosso cavaliere, cinque che lo vanno a seppellire
Il vino nel bicchiere

Aiaiu, ah Gesu, lassatimi spugliari ca vi fazzu arricriari!
Aiahi, ah Gesù, lasciatemi spogliare che vi faccio assai godere!
Il frutto del ficodindia

Vitti ‘na cosa nata a la furesta, suia sulidda, nata a la campìa, vitti ‘na cosa cu trenta e ‘na testa ca ogni testa muli vucchi avìa; a mia mi parsi ‘na cosa sbusesta quannu si vutà versu di mia.
Vidi una cosa nata nella foresta sola soletta, nata in libertà, vidi una cosa con trenta e una testa che ogni testa mille bocche aveva. a me sembrò una cosa assai strana quando si girò verso la mia persona.
Il carciofo

Lu patri lunganinu, la matri chiatta chiatta, la figlia tunna tunna
Il padre spilungone, la madre piatta piatta, la figlia tonda tonda.
La vite, il pampino e l’uva

All’uortu mi calaiu, belli dami ci truvaiu, vistiti di viola e di virdi cummigliati.
Nell’orto mi sono piegato, belle dame vi ho trovato, vestite di viola e di verde ricoperte.
Le melenzane

Ha’ voglia di fùiri e scappari, chidda ca hia a mienzu l’anchi tu m’ha dari!
Hai voglia di fuggire e di scappare, quella che hai tra le anche tu mi devi dare!
Le mammelle delle capre

Miniminaglia, miniminaglia,cu’ lu fa l’uovu di paglia?
Miniminaglia, miniminaglia, chi lo fa l’uovo di paglia?
L’asino

Tuttu di carni e la cuda di fierru
Tutto di carne e la coda di ferro.
Il contadino con la rasola

Mancia cu la panza e caca cu li spaddi.
Mangia con la pancia e caca dalle spalle.
La pialla

Miniminaglia, miniminaglia, cu’ fa l’uovu intra la paglia?
Miniminaglia, miniminaglia, chi fa l’uovo nella paglia?
La gallina

Pumu, pumiddu, pampinedda e foglia, tò patri t’addivà cu maraviglia, quannu a se’ misi ti cadi la foglia divienti un bieddu patri di famiglia.
Pomo, picciol pomo, fogliolina e foglia, tuo padre ti allevò con meraviglia, quando ai sei mesi ti cade la foglia diventi un gran bel padre di famiglia.
Il grano

Russu, russettu, d’un cannistrettu, iè ‘n tavula di re.‘Nzerta chi iè?
Rosso, rossello, in un bel cestello, è sulla tavola del re. Indovina, cos’è?
Il melograno

Mi ni vaiu di Maddalena e mi dici ca iè prena, i’ ci tuoccu la natura e mi dici ca ‘un iè ura.
Me ne vado da Maddalena e mi dice che è già incinta; io le tocco il suo bel sesso e mi dice: non adesso.
Il frutto del fico

Lu patri turtarieddu, la matri turtaredda e la figlia tantu bedda.
Il padre un po’ stortino, la madre un po’ stortella, e la figlia tanto bella
La vie, il tralcio e l’uva

Cu un sordu fazzu la casa stiddi tiddi.
Con un soldo riempio la casa tutta di stelle
I lupini

Vaiu all’uortu e truovu ‘n omu muortu;ci grapu la vrachetta e truovu ‘na baionetta
Vado nell’orto,trovo un uomo morto,gli apro la bottoniera (dei pantaloni)e trovo una baionetta
La fava

Si si’ veru pueta e l’arma ti vasta, m’ha diri cu’ havi tutta morsa la sò testa
Se sei vero poeta e il senno ti basta devi dirmi chi ha tutta spicchi la sua testa
L’aglio

Sugnu ‘na piccidda fimminedda e a nuddu paru bedda, senza navi passu lu mari e a tavula di re vaiu a anciari.
Sono una picciol femminella e a nessuno sembro bella, senza navi passo il mare e a tavola di re vado a mangiare.
La mosca

‘N campagna fu ‘mmazzata ‘na rigina ndi ‘na casina tutta martillata, lu sangu ci curriva a vina a vina pi d’éssiri di l’omu scrapisata.
In campagna fu ammazzata una regina in una casina utta martellata,il sangue le scorreva a vena a vena perchè dall’uomo veniva calpestata.
L’uva

Li tò bianchi cosci, li mà ...bianchi e lisci, ni ‘ncucchiammu cosci cu cosci e cuomu finisci finisci.
Le tue bianche cosce, le mie ..bianche e lisce, uniamo cosce con cosce e come finisce finisce.
Le mammelle della capra


In casa

‘N capu terra lignu, ‘n capu lignu linu, ‘n capu linu sustanzia. Chi iè?
Sopra terra legno, sopra legno lino, sopra lino sostanza. Cos’è?
La tavola apparecchiata

La zi’ Lioca si stinnicchia. lu zi’ Liccu ci accravacca.Chi iè?
La zia Golosa si distende, lo zio Goloso le monta sopra. Cos’è?
La pasta

Si i’ viegnu intra di tia tu la minti ‘n culu a mia; si tu vieni intra di mia i’ la mintu ‘n culu a tia
Se io vengo a casa tua tu la metti in culo a me; se tu vieni a casa mia io la metto in culo a te
La sedia

Tutt’uocchi iè lu scintìnu, i’ travagliu e iddu suda
Tutt’occhi è il meschino, io lavoro e lui suda.
La pentola e lo scolapasta

Intra carni e fora fierru
Dentro carne e fuori ferro.
Il dito col ditale

I’ haiu un pupiddu: chiù lu fricu e chiù s ‘incazza.
Ho un pupattolo: più lo sfrego e più s’infiamma.
Il fiammifero

Haiu lu titiddu,li ‘mpriestu a chiddu e a chiddu e sempre haiu lu titiddu
Ho il titello lo presto a questo e a quello, e sempre ho il titello
Il lievito

Haiu un canuzzu ca si chiama Cola, lu tiegnu sempri ndi li cazi di tua, unna vidi fimmini s’incannola unna vidi pirtusa si ci ‘mpila.
Ho un cagnolino che si chiama Cola tengo sempre nelle mutande di dove vede donne s’incanala, dove vede buchi si ci infila.
La chiave

Lu re di Napuli havi lu culu tuttu papuli
Il re di Napoli ha il culo tutto di pustolette
Il colapasta

Lu issu finiva e la fabbrica acchianava
Il gesso finiva e la costruzione saliva
Il gomitolo e il lavoro a maglia

La pigliu pila cuda e la ptiortu a la mà ignura.
La prendo per la coda e la porto alla mia signora.
La padella

U’ spicchiu di miènnula inchi ‘na casa
Uno spicchio di mandorla riempie una casa
La candela

Chianca nìura, bullittuni russu, si lu ‘nzierti ti stui lu mussu
Ceppo nero ma virgulto rosso, se l’indovini ti pulisci il muso.
La botte col vino

Trasi muoddu e nesci duru
Entra morbido ed esce duro.
Il pane dal forno

Trasi modda e nesci tisa
Entra morbida ed esce rigida
La focaccia dal forno

Trasi dura e nesci modda
Entra dura ed esce morbida
La pasta nella pentola

Tutti li fimmini l’hanu, cu’ l’havi ruttu e cu’ l’havi sanu
Tutte le donne te l’hanno cu l’ha rotto e chi l’ha sano
Il ditale

Sugnu dama di natura, unna passu niettu lassu sierbu a tutti e poi m ‘arrassu.
Sono dama di natura, dove passo pulito lascio,servo tutti e poi mi scosto
La scopa

Intra un cammarinu c e un signurinu, vistutu di biancu, cu la mariti a lu hiancu
In un camerino c e un signorino, vestito di bianco, con la mano al fianco.
Il vaso da notte

Haiu ‘na mànnira di picureddi, quannu chiovi currinu tutti
Ho un ovile (pieno) di pecorelle, quando piove corrono tutte.
Le tegole e le grondaie

Peppi va, Peppi veni, Peppi fa lu veni e veni
Peppe va, Peppe viene,Peppe fa l’andirivieni
La chiave

Haiu un piattu di ‘nzalori, chiù lu tuoccu e chiù mi doli
Ho un piatto di lazzeruole, più lo tocco e più mi duole
Il bracere

D’un carratieddu c’è un vicchiarieddu ca si suca lu vudieddu.
In una botticella c’è un vecchierello che si succhia il budello
Il lume

Deci ca lu tieninu e unu ca caca.
Dieci che lo tengono e uno che caca
Il setaccio

A lu iuornu pienninu e a la notti si stienninu
Di giorno pendono e di notte si stendono.
Le spranghe della porta

Lu iuornu cuomu li munti, a la notti cuomu li lasagni.
Di giorno come le montagne, di notte come le lasagne
I materassi di lana

Hauu ‘na siggitedda vutata a virrina e iè vutata a la napttlitana, cii’ si la senti e cu’ mi l’arrimina ci dugnu poi ‘na rappa di racina.
Ho una sediolina capovolta come ur ed è capovolta alla napoletana, ch se la sente e chi me la rimescola gli dò poi un grappolo d’uva.
Il macinino

Un pedi di gaddina manteni la casina
Un piede di gallina mantiene la casina
La chiave

Hauu ‘na cosa cristallina, nun ci n e di li iardina, nun è cosa siminata, piglia e minti di la pignata.
Ho una cosa cristallina, non ce n’è dentro i giardini non è cosa seminata, prendi e metti nella pentola.
Il sale

Iera schetta e iera russa, si marità e si anniurì, si un pirtusu tu ci fa’ a l’agnuni l’ha ghitta’.
Era nubile ed era rossa, si sposò e si annerì, se un buco tu le fai in un angolo la butterai
La pentola di coccio

Hauu ‘na varca fatta di fila, e senza vientu idda vola, la carni ddà intra chianci e grida, cii’ iè fora canta e sciala.
Ho una barca fatta di fili, e senza vento essa vola, la carne là dentro piange e grida, chi è fuori canta e sciala.
La culla

Haiu un piattu di tanti maneri, veni mà ma’ e mi l’arriscedi. Chi arrisciditi, chi arrisciditi? Nicchiti, nacchiti, chi n’aviti?
Ho un piatto con tante (cosucce) vaneggiate, viene mia madre e ci fruga dentro. Che frugate, che frugate?Nicchete, nacchete, che ne ricavate?
I piselli secchi

Haiu ‘na casa senza tettu, dintra c’è sirinità; quannu i’ ci fazzu lu tettu trona e lampi ‘n quantità.
Ho una casa senza tetto, dentro c’è serenità, quando io vi faccio il tetto tuoni e lampi in quantità.
Il vaso da notte

Quanti billizzi avìa quannu iera prena e ghiera visitata setti voti a la simana; ora ca nun sugnu chiù nè schetta nè prena nun sugnu taliata mancu ‘na vota a la simana
Quante bellezze avevo quand’ero pregna, ricevevo visite sette volte in una settirnan~ ora che non son più nubile nè pregna non son più guardata manco una volta la settimana.
La botte

Haiu ‘na cosa quantu un parmu, nun iè mai chiossa’ d’un parmu, quannu la fimmina la tasta e la gusta a la finuta ci scula la testa.
Ho una cosa quanto un palmo, non è mai più di un palmo, quando la donna l’assaggia e la gusta appena finisce le cola la testa.
Il cucchiaio

La mà signura assittata a lu iuornu ca si godi lu suli supernu, quannu iè ura di manziiuornu ci acchiananu li diavuli di lu ‘nfiernu.
La mia signora seduta di giorno che si gode il sole superno, quando suona il mezzogiorno le salgono i diavoli dall’inferno.
La pentola che bolle


I rapporti sociali

Nun haiu vucca e parru nun haiu piedi e caminu.
Non ho bocca e parlo, non ho piedi e cammino
La lettera

L’arcipreti l’havi longa, munsignuri chiù di chiù, a la flmmina piaci assai picchì trasi e ‘un nesci chiù.
L’arciprete ce l’ha lunga, monsignore molto più, alla donna piace assai perchè entra e non esce più
La fede

Sugnu picciddu e quatratu, prima ca partu vuogliu éssiri vasatu
Sono piccolo e quadrato,prima che parto voglio essere baciato
Il francobollo

Davanti s’accurza e darrieri s’allonga
Avanti a me si accorcia,e dietro di me si allunga
La strada

Sugnu ‘sposta ad acqua e vientu, sugnu ‘ntisa e nun mi sientu, sugnu ranni, labbra stuorti, chiamu li vivi e chianciu li muorti.
Sono esposta ad acqua e vento, son sentita e non mi sento, sono grande, labbra storte, chiamo e vivi e piango i morti.
La campagna

Dimmi cu’ la via senza caminu
Dimmi chi fa la via senza cammino
Il pensiero

Sulu, a mienzu la via, grida e si murmuria
Solo, in mezzo alla via, grida e borbotta
Il palo del telegrafo

Du’ suruzzi pi amicizia si ni ieru a ballari e finita la giustizia si ni ieru a ripusari
Due sorelline per amicizia sono andate a ballare, e finita la giustizia sono andate a riposare.
I piatti della bilancia

C’è cu’ si lassa àrdiri pi ammucciari un segretu
C’è chi si lascia ardere per nascondere un segreto.
La ceralacca


La natura

Haiu un vuttascinu cu du’ qualità di vinu
Ho una botticella con due qualità di vino
L’uovo

Haiu un gattu murmurusu, quannu voli si fa amurusu, senza arbuli nè hiuri fa lu fruttu di bon sapuri.
Ho un gatto brontolone, quando vuole si fa amorevole, senza alberi nè fiori fa il frutto di buon sapore.
Il mare

Vinni un monacu di fora regnu, cu tantu amuri e tantu sdegnu, si ‘un ci faciemmu la rivirenza ni leva lu cappieddu cli priputenza.
Venne un monaco dai confini del regno, con tanto amore e tanto sdegno, se non gli facciamo la riverenza ci leva il cappello di prepotenza.
Il vento

Sugnu biancu di natura, vaiu circannu la vintura, si a Palermu c’è un fistinu vuogli éssiri lu primu.
Sono bianco di natura, vado cercando la ventura, se a Palermo c’è un festino voglio essere il primo.
Il sale

Piccidda sugnu e senz’ali vaiu vulannu una mi puosu pizzicu e fazzu dannu
Piccola sono e senz’ali vado volando, dove mi poso pizzico e faccio datino.
La favilla

Piattu di brunzu, minestra cucciusa, omu superbu e fimmina amurusa
Piatto di bronzo, minestra granulosa, uomo superbo e femmina amorosa
Il cielo,le stelle,il sole,la luna

Si pasci di picca. Chi iè? Havi li corna e voi nun iè, tinci li mura e pitturi nun iè
Si nutre di poco. Cos’è? Ha le corna e bùe non è,dipinge i muri e pittore non è.
La lumaca

Dimmi cu va si rumpi e torna sanu
Dimmi chi va, si rompe e torna sano
Il mare

Fimmina sugnu e fimmina mi fazzu, fimmina fu mà matri ca mi fici, intra li fossa scuri staiu curcata pi dan gustu a cu’ campa fihici, e si di lu suli sugnu taliata curru quantu mà matri ca mi fici
Donna sono e donna mi faccio, donna fu mia madre che mi fece, dentro i fossi bui sto distesa per dare piacere a chi vive felice, e se dal sole sono guardata corro quanto mia madre che mi fece.
La neve

Haiu ‘na cascittina di ‘nzaloni, la sira ci li mintu e la matina nun li truovu.
Ho una cassettina di lazzeruole, la sera ce le metto e la mattina non le trovo.
Le stelle


La persona

Nesci cantannu e ...mori
Esce cantanto e muore
Il peto

‘N manu ci vanu ma nun si puonu cuntari
In mano ci vanno ma non si possono contare
I capelli

Ih, ah, chi ci penni a tò pa’
Ih, ah, cosa gli pende a tuo papà?
L’orologio da tasca

Lu poviru lu ietta e lu riccu si lu minti ‘n saochetta.
Il povero lo butta e il ricco se lo mette in tasca
Il moccio

Tu l’ha, i’ l’haiu, ma cuornu a ma nun la pua aviri
Tu ce l’hai, io ce l’ho ma come li mio non lo puoi avere.
Il nome

Sidici e sidici trentadui, l’haiu i’ e l’aviti vui, e si vui nun l’aviti siti vecchia e vi ruditi
Sedici e sedici trentadue, ce li ho io e li avete voi, e se voi non li avete siete vecchia e vi rodete
I denti

Quannu niesciu mi li puortu,a li festi mi li puortu,a ballari mi li puortu,‘n capu lu liettu nun mi li puortu.
Quando esco me le porto, alle feste me le porto, a ballare me le porto, sopra il letto non me le porto
Le scarpe

Dimmi cu’ prestu arriva chiù lunta
Dimmi chi presto arriva più lontano.
Il pensiero

Haiu un bicchieri senza funnu, lu tiegnu misu notti e ghiuornu
Ho un bicchiere senza fondo, lo tengo messo notte e giorno
L’anello

Caminannu caminannu mi la vaiu tuccannu.
Camminando camminando me la vado toccando
La tasca

Bieddu a vidìri, bieddu a taliari, inchilu di carni e lassalu stari.
Bello a vedere, bello a guardare. riempilo di carne e lascialo stare
L’anello

Ca mi doli, ddà mi batti, ca mi fa lu tic tac.
Qua mi duole là mi batte, qua mi fa il tic tac
L’orologio

Haiu ‘na cosa nìura e longa, Tirituppiti, ‘n capu li corna
Ho una cosa nera e lunga, patapunfete, sopra le corna
Il mantello con cappuccio

I’ Lu vidu sempri, lu re rari voti, lu papa mai, Diu, cu la sò ‘nniputenza, nun l’ha vistu e nun lu pò vìdiri mai.
Io lo vedo sempre, il re rare volte, il papa mai, Dio, con la sua onnipotenza, non l’ha visto e non lo potrà vedere mai.
Il proprio simile

Intra ‘na gruttidda ci truovu ‘na lupidda.Ah, ah, mi dissi idda. Chi ie?
Dentro una piccola grotta ci trovo una piccola lupa.Ah, ah, mi disse lei. Cos’è?
La lingua

Haiu un murtaru di petra fina ca pista e ripista la sò midicina, la pista e ripista ccussì fina ca a la pirsuna sustanza ci duna.
Ho un mortaio di pietra fina che pesta e ripesta la sua medicina, la pesta e ripesta così flna che alla persona sostanza dà.
La bocca

Haiu un cannistrieddu di pilli pilicchi, lassatimiili, pi carità
Ho un panierino di " pilli pilicchi ", lasciatemeli’ per carità.
I capelli

La mà signura ci l’havi pilusu, ddà ‘n mienzu c’è un bieddu pirtusu, quannu ci trasi la carni cruda uadi assai la mà signura.
La mia signora ce l’ha peloso, là in mezzo c’è un bel buco, quando ci entra la carne cruda gode assai la mia signora.
Il manicotto di pelliccia

S’arrimina casa casa, quaranta ugna e du’ nasa
Gira per la casa,quaranta unghie e due nasi
La donna incinta

Si si’ veru pueta e l’arma ti vasta, m’ha diri cu’ camina cu la testa
Se sei vero poeta e il senno ti basta, dimmi chi cammina con la testa
Il chiodo degli scarponi



Menu di sezione:

  • nivinagghi ( indovinelli )
  • proverbi

Torna ai contenuti | Torna al menu