www.buteraonlinevideo.it


Vai ai contenuti

Menu principale:


proverbi

Tradizioni Siciliane

Il tempo e le stagioni

Pi Santa Lucìa si fa la cuccìa
Per Santa Lucia si fà la " cuccia ".

Doppu Natali ...lu friddu e la fami.
Dopo Natale ...il freddo e la fame

Natali cu lu suli, Pasqua cu lu tuzzuni
Natale col sole, Pasqua col tizzone

Quannu tira lu vientu girmanisi si ni tira assai viecchi sgraccusi
Quando tira il vento di Germania si porta via molti vecchi catarrosi

Iennaru siccu... viddanu riccu
Gennaio secco... contadino ricco

Frivaru e frivarieddu...la vecchia s’arsi lu ristieddu
Febbraio e febbraietto...la vecchia si bruciò il restello.

Frivaru fa l’agnedda e Marzu fa li peddi
Febbraio fa gli agnelli e Marzo fa le pelli

Lu friddu di Marzu si ‘mpila intra lu cuornu di lu voi.
Il freddo di Marzo s’infila nel corno del bue

Aprili fa li hiuri e l’anuri l’havi lu misi di Maiu.
Aprile fa i fiori e l’onore ce l’ha il mese di Maggio.

Marzu chiovi chiovi, Aprili a nun finiri Intra Maiu una bona ca si tira li risìni
Marzo piove piove, Aprile da non finire, entro Maggio una così torrenziale che spazzi via tutto.

Austu e riustu... capu di ‘mmiernu
Agosto e rigosto... principio d’inverno.

Ariu a picureddi... chiovi a catineddi
Cielo a pecorelle.., piove a catinelle


La donna e l’amore

La fimmina hav’a parrari quannu canta la gaddina
La donna parlar dovrà quando la gallina canterà

L’amuri nun havi timuri
L’amore non ha timore

Cn’ pati pi l’amuri nun senti in duluri
Chi soffre per l’amore non sente il dolore

Cn’ scecchi caccia e fimmini cridi facci di paradisu nun ni vidi.
Chi asini incita e alle donne crede facce di paradiso non ne vede

L’omu porta e la fimmina addiporta
L’uomo porta e la donna amministra.

Amuri di mamma e sirbimintu di muglieri
Amore di mamma e servizio di moglie

Cu’ si marita sta cuntentu un gnuornu, cu’,ammazza un puorcu sta cuntcntu ‘n annu
Chi si sposa sta contento un giorno, chi ammazza un porco sta contento un anno

Quantu tira un pilu di fimmina nun tiranu cientu para di vua
Quanto tira un pelo di donna non tirano cento paia di buoi.

Cu’ di li vecchi s’annammura si la pila la vintura.
Chi delle vecchie s’innamora se la piange la sua sorte

Amuri, biddizza e dinari su’ tri cosi ca nun si puonu ammucciari.
Amore, bellezza e denari son tre cose che non si possono nascondere

Cu’ pendi la mamma nun la guadagna.
Chi perde la mamma non la guadagna

Sogira e nora...iettali fora
Suocera e nuora... buttale fuori

L’omu gilusu mori curnutu.
L’uomo geloso muore cornuto.

La fimmina iè ‘na musca cavaddina ca duna ardenti assai li mizzicuna.
La donna è una mosca cavallina che dà morsi assai pungenti.

La schetta pi ascutari la canzuna, lii puorcu si mangià la tagliarina.
Mentre la signorina ascoltava la canzone il porco si mangiò le tagliatelle.

La fimmina intra la nassa e la doti intra la cascia.
La donna nella gabbia e la dote nella cassa.

Mi rnaritaiu pi ‘un vidiri guai, maritatedda ni vitti chiossai.
Mi sono sposata per non subire guai, ma da sposata ne ho subiti assai di più.


La famiglia, gli amici e il vicinato

Lu veru amicu si vidi a tiempu di bisuognu.
Il vero amico si vede in tempo di bisogno.

La carni minti carni e l’amicizia minti corna.
La carne mette carne e l’amicizia mette corna.

Lu miegliu amico ti tira lu lazzu.
Il migliore amico tira la corda (per impiccarti)

Cu’ iè riccu d’amici iè scarsu di guai.
Chi è ricco di amici è scarso di guai.

Ama a cu’ t’ama e rispunnici a cu’ ti chiama.
Ama chi ti ama e rispondi a chi ti chiama.

Amari a cu’ t’ama iè tiempu piersu.
Amare chi ti ma è tempo perso

L’amici s’accattanu e quantu costanu costanu.
Gli amici si comprano a qualunque prezzo.

Cu’ perdi ‘n amicu perdi u’ scaluni.
Chi perde un amico perde un gradino.

Amicu cu tutti, fidili cu nuddu.
Amico con tutti, fedele con nessuno.

Lu miegliu amico ti fici lu boia: tira lu lazzu e cu’ si penni ‘mpenni.
Il miglior amico ti ha fatto da boia: tira il cappio e chi s’impicca s’impicca.

Cu’ ti vo’ beni ti fa chianciri,cu’ ti vo’ mali ti fa rìdiri.
Chi ti vuoi bene ti fa piangere, chi ti vuoi male ti fa ridere.

Si lu beni nun si renni a mali ‘un si po’ chiamari beni.
Se il bene non si rende col male non si può chiamare bene.

Fatti l’amici a tiempu di paci ca ti sierbinu a tiernpu di guerra
Fatti gli amici in tempo di pace die ti serviranno in tempo di guerra.

A lu ‘mpriestitu si tu ci di’ di no t’arresta l’amicu e lu fattu tò; si tu ci di’ di sì ci perdi l’amicu e li quattru tarì.
Alla richiesta di un prestito se tu dici di no ti resta l’amico e la roba tua;se tu dici di sì perdi l’amico e i quattro tarì.

Chiovi e maluttiempu fa: cu’ iè ‘n casa d’atru mali sta.
Piove e maltempo fa: chi è in casa d’altri male sta.

Cu’ duna lu pani a lu cani stranu perdi lu pani e lu cani mide’.
Chi dà pane all’estraneo cane perde il pane e pure il cane.

Cu’ li parienti tu ci ha a mangiari e bìviri ma ‘ntrichi nun ci n’aviri.
Con i parenti tu devi mangiare e bere ma interessi comuni non devi avere.

Li parienti di la muglieri su’ chiù duci di lu meli, li parienti di lu maritu su’ chiù ahiri di l’acitu.
I parenti della moglie son più dolci del miele, i parenti del marito son più aspri dell’aceto.

Disìa in beni a lu to vicinu,ca lu hiauru ti ni veni.
Al tuo vicino desidera il bene che l’odore te ne viene.

Cu un figliu cientu nori
Con un figlio cento nuore

Un patri potti mantèniri a cientu figli, cientu figli nun puottiru mantèniri a un patri.
Un padre potè mantenere cento figli cento figli non poterono mantenere un padre.

Lu vicinu iè sirpenti: S’un ti vidi ti senti.
Il vicino è serpente: se non ti vede ti sente.

L’amicu e lu cumpari a in bisuognu pari.
L’amico e il compare si vedono al momento del bisogno.


Il commercio

Li chiacchiari su’ chiacchiari e la putiara voli li picciuli
Le chiacchiere son chiacchiere e la bottegaia vuole i soldi.

Funci, vavaluci e granci,spienni assai e nenti manci.
Funghi, lumache e granchi, spendi assai e niente mangi.

Agnieddu e castratu,unna pigli pigli si’ gabbato.
Agnello e castrato qualunque parte prendi sei gabbato.

Cu paga prima mancia pisci fitusu.
Chi paga prima mangia pesce guasto.

La bona mircanzia si vinni sula.
La buona merce si vende da sola.

Cu’ disprezza accatta.
Chi disprezza compra.

Miegliu accattari ca vìnniri.
Mèglio comprare che vendere.

Riscodiri prestamenti, pagari tardamentj, ca di stu mentri e mentri succedi ‘n accidenti e nun si paga nenti.
Riscuotere rapidamente, pagare tardivamente, che nel frattempo avviene un accidente e non si paga niente.

Nisciennu di la ma putìa ti puonu càdiri li sòli a mienzu la via.
Quando sei uscito dalla mia bottega ti possono cadere le suole (delle scarpe) in mezzo alla via.

Dari cu li mani e riscodiri cu li piedi.
Dare con le mani e riscuotere con i piedi.

Cu’ ‘mbroglia e sbroglia nun si chi chiama ‘mbrugliuni
Chi imbroglia e sbroglia non non si chiama imbroglione

Stuppa, mi dasti e stuppa filaiu:tu mi tincisti e i’ ti mascariaiu.
Stoppa mi hai dato e stoppa ho filato: tu mi hai dipinto ed io ti ho sporcato.

Li chiacchiari su’ chiacchiari o li maccarruna inchinu la panza.
Le chiacchiere son chiacchiere e li maccheroni riempiono la pancia.

Tarabaddà, un cantaru e vinticincu.
Tarabaddà, un quintale e venticinque


La salute

Cu havi saluti iè riccu.
Chi ha salute è ricco.

Cu iè picciuottu iè riccu.
Chi è giovane è ricco.

Cu’ vivi a la diuni pari baruni.
Chi beve a digiuno sembra barone.

Cu vivi lu vinu prima di la minestra saluta lu dutturi di la finestra.
Chi beve il vino prima della minestra saluta il dottore dalla finestra.

Lu miedicu piatusu fa la chiaga virminusa.
Il medico pietoso fa la piaga purulenta.

Acqua currenti ...vivi la cuntenti.
Acqua corrente ...bevila contento.

Cu havi suonnu nun cerca capizzu.
Chi ha sonno non cerca capezzale.

Cu’ havi fami nun cerca cumpanaggiu.
Chi ha fame non cerca companatico.

Ricotta e meli... vivici beni.
Ricotta e miele... bevici bene.

L’acqua ferma chiù l’arrimini e chiù feti.
L’acqua stagna più la rimescoli e più puzza.

Mieglu iri di lu vuccieri ca di lu spiziali.
Meglio andare dal macellaio che dal farmacista.

Suli di lastra e vientu di fissura portanu l’omu a la sipultura.
Sole di lastra e vento di fessura portano l’uomo alla sepoltura.

Lu vinu fa cantari e l’acqua... no.
Il vino fa cantare e l’acqua... no.

L’arbulu s’addrizza quannu iè virdi.
L’albero s’addrizza quando è verde.

Panza china godi ma no cammisa nova
Pancia piena gode ma non.., la camicia nuova.

L’omu di vinu vali un carrinu.
L’uomo di vino vale un carlino.

Lu lupu zuoppu si uadi la via.
Il lupo zoppo si gode la via

Acqua frisca... ‘nchiarisci la vista.
Acqua fresca... rischiara la vista.


La pigrizia della cicala

Zannu, vaniddaru, picataru.
Zingaro, uomo di strada, venditore di intrugli medicinali

Havi lu senziu chiù duppiu di lu lardu di li puorchi
Ha la mente più spessa del lardo dei porci.

Fatti la fama e va’ curcati.
Fatti la fama e vai a dormire.

Nun ni vuliri mancu a brodu.
Non volerne nemmeno a brodo.

La massaria di " Minicu Faci " na sarma siminà e un tumminu fici.
Nella fattoria di " Domenico Falce " una salma se ne seminò e un tumolo se ne produsse

Si all’annu vo’ ‘mpuviriri, fa’ massaria e nun ci iri
Se in un anno ti vuoi rovinare impianta una fattoria e più non andare.

Travag1iu nun ni vuogliu nè di ‘mmiernu ca fa friddu nè di stasciuni ca fa callu.
Lavoro non ne voglio nè d’inverno che fa freddo nè d’estate che fa caldo.

Lu iuornu nun ni vuogliu e la notti spardu l’uogliu.
Il giorno non ne voglio e la notte consumo l’olio.

Si’ cuomu l’uovu:chiù va’ e chiù duru ti fa’.
Sei come l’uovo:più vai e più duro ti fai.

Nun l’ha’ fattu mierculi e ghiuovi e lu vo’ fari venniri e sabatu?
Non l’hai fatto mercoledì e giovedì e lo vuoi fare venerdì e sabato?

Si iucà fina la sulina
Si giocò persino il bottone del colletto.

Pi nun dari du’ sordi a lu varbieri ti facisti li capiddi scali scali.
Per non dare due soldi al barbiere ti sei tagliato i capelli molto male.

Lu travagliu di lu lagnusu iè tintu e caru
Il lavoro del fannullone è caro e malfatto.


….E la laboriosità della formica

Sarba ca truovi.
Conservi che trovi.

Ogni cacatedda di musca iè sustanza.
Ogni cacatella di mosca è sostanza.

Cu’ havi bona la zappa havi bona la vinnigna.
Chi ha buona la zappa ha buona la vendemmia.

Cu’ prima nesci prima pasci.
Chi esce prima pascola prima.

Gaddina ca camina porta la vozza china.
Gallina che cammina porta il gozzo pieno.

Cu’ nun risica nun rusica.
Chi non risica non rosica.

Fattìnni quantu ‘na cudidda di gattu ca lu ‘nnumani ti lu truovi fattu.
Fattene quanto una codina di gatto che l’indomani te lo trovi fatto.

Nenti si conza si nun si sconza.
Niente si fa se non si disfa del tutto.

Miegliu cu picca ùadiri ca cu assai trivuliari.
Meglio con poco godere che non molto tribolare.

Lu picca m’abbasta e l’assai m’assuperchia.
Il poco mi basta e il troppo mi sopravanza.

Lu sparagnu iè gran guadagnu.
Il risparmio è gran guadagno.

Cu’ chiù havi chiù voli.
Chi più ha più vuole.

La petra chiù tinta serbi a la muraglia.
L’inutile pietra serve alla muraglia.

La stizzana di cuntinuu percia la petra.
La goccia continua buca la roccia.

L’omu valenti mori cuntenti, l’omu lagnusu mori cumpusu.
L’uomo valente muore contento, l’uomo pigro muore confuso.

Casa quantu sta’ vigna quantu vivi, terra quantu ni vidi.
Casa quanta ne puoi abitare, vigna per quanto poi bere, terra quanta ne puoi vedere.

Un sordu a mintiri,un sordu a livari si piérdinu du’ sordi
Un soldo a mettere, un soldo a levare, si perdono due soldi.

Li cosi luonghi diventanu serpi
Le cose lunghe diventano serpi.

Cu’ havi picca caru teni.
Chi ha poco lo tiene caro.

Sàrbati du’ tarì arriuluti pi la simana di S. Paolo.
Conservati due tarì arrugginiti per la settimana di San Paolo.

Nun mìntiri pani e tiempu.
Non mettere pane e tempo.

Arsu sia a avvampuliatu cu’ nun uadi mentri po’: chistu iuornu iè ‘mpristatu, oi iè mia, dumani iè to.
Sia arso e avvampato chi non gode mentre può:

questo giorno è presiato, oggi è mio, domani è tuo.

Cu’ iappi luci campà,cu iappi pani muri’
Chi ebbe fuoco sopravvisse,chi ebbe pane morì.

Ahiu, ah, ha fa’ l’arti ca tu la’.
Ahi, ah, devi far l’arte che tu sai.

Cratulu si nasci, nun si ci addiventa.
Pastore si nasce, non si ci diventa.


L’amara realtà

Amara cu’ havi bisuognu!
Guai a chi ha bisogno!

Tri su’ li putenti: lu papa, lu re e cu’ ‘un n’havi nenti.
Tre sono i potenti: il papa, il re e chi non ha niente.

Si li ‘mpriestiti fussiru buoni si ‘mpristassiru li muglieri.
Se i prestiti fossero proficui si presterebbero le mogli.

Quannu li scorci caminanu li favi su’ chini.
Quando circolano le bucce, le fave sono mature

Lu lupu perdi lu pilu ma no lu viziu.
Il lupo perde il pelo ma non il vizio.

L’erba vili nun mori mai.
L’erba cattiva non muore mai.

Firrìa, firrìa, ca la mannira t’aspetta.
Gira, gira, che l’ovile ti aspetta

Cu’ mancia pani fa muddichi.
Chi mangia pane fa cadere le briciole.

Cu’ campa crisci e cu’ mori sprisci.
Chi vive cresce e chi muore sparisce.

Cu’ disìa, cu’ schifìa, e cu’ mori disiannu.
Chi brama, chi disprezza, e chi muore bramando.

A rubari picca si va ‘n galera, a rubari assai si fa carrera.
Rubando poco si va in galera, rubando assai si fa carriera.

Lu tiempu ca passa si disìa
Il tempo che passa si desidera.

Aspittari e nun vinari su’ du’ peni di rnuriri.
Aspettare e non venire son due pene da morire

Ci voli furtuna puru pi friiri l’ova
Ci vuole fortuna pure per friggere le uova.

La seggia nuddu la vo’ pèrdiri.
La poltrona nessuno la vuoi perdere.

A lu muru vasciu ognunu si ci appoia.
Al muro basso chiunque si ci appoggia.

Cu’ bieddu si vo’ fari peni e guai hav’a passari
Chi bello si vuoi fare pene e guai deve passare.

Quannu la forza cu la ragiuni cuntrasta la forza vinci e la ragiuni nun basta.
Quando la forza con la ragione contrasta la forza vince e la ragione non basta.

Mancu si lu puorcu acchiana la ‘intinna.
Nemmeno se il porco vince il palio.

Lu viscuottu va a cu’ nun havi hanghi
Il biscotto va a chi non ha denti.

Senza grana nun si ni canta missa.
Senza soldi non si canta messa

La roba si ni va cuomu li venta, la cosa tinta t’arresta davanti.
La proprietà se ne va come i venti, la cosa inutile ti resta davanti.

Picciuottu iera canazzu di cuddaru, a li vicchizzi tutti li cani mi piscianu ‘n culu.
Da giovane ero un cagnaccio da collare, in vecchiaia tutti i cani mi pisciano in culo

Cu gaddu e senza gaddu Diu fa ghiuornu
Con gallo e senza gallo Dio fa spuntare l’alba

Cunsimi minticinni ‘na visazza, falla cuomu la vua, sempri iè cucuzza.
Condimento metticene una bisaccia, falla come vuoi, è sempre zucca.

Vaiu pi farimi la cruci e, mi scippu l’uocchi.
Vado per farmi la croce e mi cavo gli occhi

C’è cu’ fuma e c’è cu’ sputa.
C’è chi fuma e c’è chi sputa.

Mancu si nivica saìmi o si lu suli spunta di Ravanusa.
Nemmeno se nevica lardo o se il sole spunta da Ravanusa

C’è cu’ macella e vespru e cu’ macella a vent’uri.
C’è chi macella a vespro e chi macella a vent’ore.

L’acieddu ni la gaggia o canta pi amuri o pi raggia.
L’uccello nella gabbia o canta per amore o per rabbia.


L’ambiguità e l’indecisione

Uocchiu aduci e cori di cani.
Occhio dolce e cuore di cane.

Uocchiu d’angilu e cori di petra.
Occhio d’angelo e cuore di pietra.

Lu cacciaturi ca spara a du’ cuniglia unu lu sbaglia e l’atru nun lu piglia.
Il cacciatore che spara a due conigli uno lo sbaglia e l’altro non lo piglia.

Li paroli di la sira nun agghiornanu la matina.
Le parole della sera si dimenticano la mattina dopo.

Duna un cuorpu a la vutti e un cuorpu a lu timpagnu.
Dài un colpo alla botte e un colpo al tìmpano.

Duna un cuorpu a lu cerchiu e un cuorpu a lu timpagnu.
Dài un colpo al cerchio e un colpo al tìmpano.

Tiraiu a cu’ vitti e acchiappaiu a cu’ nun vitti.
Ho tirato a chi vidi e ho colpito chi non vidi.

Aviri un cori di sceccu e un cori di liuni.
Avere un cuore d’asino e un cuore di leone

Fari farina modda.
Fare farina morbida

Essiri cuomu li vua senza campana.
Essere come i buoi senza campana.

Si ci pò ‘mpastari lu pani.
Si ci può impastare il pane

Casa senza nummaro di porta.
Casa senza numero di porta.


I rapporti sociali


Ogni lignu havi lu so fumu.
Ogni legno ha il suo fumo.

Uocchiu ca nun vidi cori ca nun doli.
Occhio che non vede cuore che non duole.

Spina ca nun ti punci, modda cuomu la sita.
Spina che non ti punge, morbida come la seta.

Nenti fari ca nenti si sapi.
Non fare niente che niente si saprà.

Nìuru cu nìuru nun tinci.
Nero non sporca nero.

Nuddu cancia senza iunta.
Nessuno cambia senza sovrappiù.

Doppu ca murì la mula chiusi la stadda.
Dopo che morì la mula chiuse la stalla.

L’acqua ‘mmeciu di iri a pinninu va ‘ntra muntata.
L’acqua invece di andare in discesa va in salita.

Lu satru nun cridi a lu diuni.
Chi è sazio non crede a chi è digiuno.

Lu sceccu porta la paglia e lu sceccu si la mancia
L’asino porta la paglia e l’asino se la mangia.

La cacuocciula si mancia cozza a cozza
Il carciofo si mangia foglia foglia.

Cu’ ti vo’ beni ‘n casa ti veni
Chi ti vuoi bene in casa ti viene.

Vièstiti fircuni ca pari baruni.
Vestiti forcone che sembrerai barone.

Cu’ nun ti canusci caru t’accatta.
Chi non ti conosce caro ti compra.

Lu lupu perdi lu pilu ma no lu viziu.
Il lupo perde il pelo ma non il vizio.

Piccatu cunfissato iè mienzu pirdunatu.
Peccato confessato è mezzo perdonato.

Ospiti rari ospiti cari.
Ospiti rari ospiti cari.

Munti cu munti nun s’hanu iunciutu mai, ma li pirsuni di lu munnu si puonu sempri iunciri.
Le montagne non si sono mai incontrate, ma le persone del mondo si possono sempre incontrare.

Mìntiti cu li miegli di tia e appìzzaci li spisi.
Mettiti con quelli migliori dite non badare alle spese.

Lu carzaratu ca nun havi famiglia di li cancelli mai si spiduglia.
Il carcerato che non ha famiglia non si libera mai dai cancelli.

A la morti di lu figliuozzu nun siemmu cchiù cumpari.
Alla morte del figlioccio non siamo più compari.

Cani ca abbaia nun muzzica.
Cane che abbaia non morde.

Sina la rigina iappi bisuognu di la vicina.
Persino la regina ebbe bisogno della vicina.

Lu cavaddu buonu si vidi a cursa longa.
I1 buon cavallo si vede a corsa lunga.

L’omu iè lu chiù crudili di tutti l’armali.
L’uomo è il più crudele di tutti gli animali.

Li poviri s’ammazzanu e li ricchi s’abbrazzanu.
I poveri si ammazzano e i ricchi si abbracciano.

L’arbulu pecca e la rama arricivi.
L’albero pecca e il ramo ne riceve le conseguenze.

Intra cuomu ‘na gaddina, e fora cuomu ‘na rigina.
Dentro casa come una gallina, fuori come una regina.

Fa’ mali e pensaci, fa’ beni e scurdatillu.
Fai male e pensaci, fai bene e scòrdatelo

Cu’ cu cani si curca cu pulici si susi.
Chi dorme con i cani si alza con le pulci.

Cu’ si scusa s’accusa.
Chi si scusa s’accusa.

Cori cuntentu gran talentu.
Cuor contento gran talento.

Cu’ a monachi e parrini cridi,lustru di peradisu nun si ni vidi
Chi a monaci e preti crete splendor di paradiso non ne vede.

Monachi e parrini…sienti la missa e stoccaci li rini
Monaci e preti... senti la messa e spezzagli le reni.

Cani di chiazza nun canusci patruni.
Cane di piazza non conosce padrone.

Chu havi lingua passa lu mari.
Chi ha la lingua passa il mare.

Campana ca nun senti a prima vuci vo’ diri ca tu discursu nun ci piaci.
Campana che non sente a prima voce vuol dire che il discorso non le piace.

A lu tintu pruvatu nun lu stari a pruvari ca chiu lu pruovi chiù tintu lu truovi.
Il cattivo provato non lo stare a provare che più lo provi più cattivo lo trovi.

Cu’ si piglia pena d’atru mori ‘mpisu.
Chi si prende pena d’altri muore impiccato.

Li grana fanu vinìri la vista all’uorbi
I soldi fanno venire la vista ai ciechi.

Ogni cani iè liuni a la so casa.
Ogni cane è leone in casa sua.

Ognunu si stuia cu la so cammisa.
Ognuno si asciuga con la sua camicia.

Fùttiri e chiìnciri cuomu li gatti.
Fottere e piangere come i gatti.

Ni vua? Si dici sulu a li malati.
Ne vuoi? si dice solo ai malati.

Cu’ nun vivi’n cumpagnia o iè latru o iè spia.
Chi non beve in compagnia o è ladro o è spia.

Nun c’è peggiu ca aviri a chi fari cu u’ rninchiuni.
Non c’è peggio che avere a che fare con un inchione.

Cu’ suspira nun iè cuntentu.
Chi sospira non è contento.

Cu’ santìa nun havi dinari.
Chi bestemmia nun ha denari.

La troppa compidenza rumpi la rivirenza.
L’eccessiva confidenza sminuisce la riverenza.

A tiempu di sdilluviu tutti li strunza nàtanu.
In tempo di diluvio tutti gli stronzi nuotano.

Raccumannari la piecura a lu lupu.
Raccomandare la pecora al lupo.

Cu’ disiddra lu malu d’atru havi lu sua darrièri la porta.
Chi desidera il male ad altri ha la sua disgrazia dietro la porta.

‘N omu sulu nun iè buonu rnancu ‘n paradisu.
Un uomo solo non sta bene nemmeno in paradiso.

Un monacu nun ha fattu mai un cummentu.
Un monaco non ha fatto mai un convento.

Mancia di lu to mancia e satratìnni beni.
Mangia del tuo e sàziatene bene

Lu surdu iè chiddu ca nun vo’ séntiri a no chiddu ca nun senti.
Il sordo è colui che non vuol sentire, non colui che non sente.

Cu’ chiù sapi chiù finci.
Chi più sa più finge.

Cu’ sapi chiù... conza la ‘nsalata.
Chi sa più... condisce l’insalata.

Fici cuomu lu rizzu: trasì cu la minutidda e a tutti ittà fora.
Fece come il riccio: entrò con una scusa e tutti buttò fuori.

Arrivà lu sceccu a lu funnacu!
E’ arrivato l’asino al fondaco!

‘Na manu lava all’atra e tutti dui si lavanu la facci.
Una mano lava l’altra e tutte e due lavano la faccia.

Dissi lu puddicinu intra la nassa: " Unna maggiuri c’è minuri cessa.
Disse il pulcino nella culla: dove maggiore c’è il minore è nulla.

Nun c’è festa senza tammurina.
Non c’è festa senza tamburi.

Lu mariuolu si canusci all’uocchiu, lu malatu pari a lu stinnicchiu.
11 mariolo si conosce all’occhio, il malato dallo stiracchiamento.

Lu gabbu arriva e la gastima no.
Le belle producono effetto, la maledizione no.

Lu farfanti anchi si dici la virità nun iè crittu mai.
11 bugiardo anche se dice la verità non è mai creduto.

Si iuncieru pani duru e cutieddu ca nun taglia.
Si sono uniti pane duro e coltello che non taglia

Lu voi dici curnutu a lu sceccu.
Il bue dice cornuto all’asino.

Anzi un diavulu cent’unzi ca un minchiuni cientu grana.
Meglio un diavolo cent’onze che un minchione cento grani.

Cani ca abbaia nun muzzica e cani ca abbaia assai muzzica picca.
Cane che abbaia non morde e cane che abbaia assai morde poco.

Rispetta lu cani pi rispiettu di lu patruni.
Rispetta il cane per rispetto del padrone.

Cu’ si fa gabbu e maraviglia ci ‘ncappa la caviglia.
Chi si fa beffe e meraviglia ci incappa con la caviglia.

Pi lu mizzicuni di lu cani ci vò lu pilu di lu stessu cani.
Per il morso del cane ci vuole il pelo dello stesso cane.

L’uocchiu voli la so parti.
L’occhio vuole la sua parte.

Prima di canusciri ‘n amicu ti ci ha manciari nsimia na sarma di sali.
Prima di conoscere un amico ti ci devi mangiare insieme una salma di sale

Essiri ficatu e ficatedda.
Essere fegato e fegatelli.

Du’ gadda intra un puddaru nun puonu cantari.
Due galli in un pollaio non possono cantare.

Pi sbarrari la testa a un viddanu ci voli ‘n atru viddanu.
Per convincere un contadino ci vuole un altro contadino.

Tanti nenti amrnazzaru u’ sceccu.
Tanti minimi pesi hanno schiacciato l’asino.

La paci s’accatta e la guerra si vinni
La pace si compra e la guerra si vende.

Merda ‘n facci a cu’ ‘mpresta linzola
Merda in faccia a chi presta lenzuola.

Nun iè tuttu oru chiddu ca luci e nun iè tuttu veru chiddu ca si dici,
Non è tutto oro ciò che splende e non è tutto vero ciò che si dice.

Cu’ si vesti cu la roba d’atru a mienzu la chiazza iè pugliatu.
Chi veste i panni altrui in mezzo alla piazza è spogliato

N’havi cuda lu maccarrunj!?
Ne ha coda il maccherone!?

Tu passi quantu lu dui di coppi quannu nun iè di briscula.
Tu vali quanto il due di coppe quando non è di briscola

Crivu viecchiu e crivu nuovu hanna a sta’ appisi a lu chiuovu.
Setaccio vecchio, setaccio nuovo, debbono stare appesi al ‘chiodo.

Ca ti mangiassiru li cani!
Che ti mangiassero i cani!

Ammuttammu.
Entrate (sospingendo la porta).

Fazzu la vita di lu cunigliu: Fazzu la niscitedda e m’arricuogliu.
Faccio la vita del coniglio: faccio la passeggiatina e mi ritiro

Punta a re cà arsu iè fattu.
Punta sul re perchè l’asso è passato.

Si iè di razza s ‘arricampa.
Se è di buona razza saprà trovare la via del ritorno

Cu lu drittu nun ci fari attu, cu lu stuortu nun ci aviri cuntattu.
Con l’uomo giusto non è necessario l’atto (notarile) con l’uomo scorretto non avere contatto.

Iè cuomu lu cani di l’urtulanu. ca nun mancia e nun fa manciari.
E’ come il cane dell’ortolano che non mangia e non fa mangiare.

Amara l’omu ca nun canusci l’atru omu.
Guai all’uomo che non sa con chi ha a che fare.

Ti fazzu vìdiri di chi erba si fa la scupa.
Ti faccio vedere cosa sono capace di fare.


La fortuna, la speranza e l’intraprendenza

Lu bo gnuornu si vidi di lu matinu
Il bel giorno si vede dal mattino.

Pigliarisi lu jitu cu tutta la manu.
Prendersi il dito con tutta la mano.

Ariu niettu nun si scanta di trona.
Cielo sereno non ha paura dei tuoni.

Asini e picciliddi Diu l’aiuta.
Asini e bambini Dio li aiuta.

Su’ furtunati: muli, curnuti e figli di buttana.
Sono fortunati: muli, cornuti e figli di puttana.

Asinu puta e Diu fa racina.
Asino pota e Dio fa crescere l’uva.

Cu’ nun risica nun rusica.
Chi non risica non rosica.

Lu suli, quannu affaccia, affaccia pi tutti.
Il sole, quando sorge, sorge per tutti.

La vurpi vecchia nun angaglia a lu lazzu.
Lo volpe vecchia non si fa prendere al laccio.

La spina ‘n culu d’atru pari un filu d’aina.
La spina in culo d’altri pare un filo d’avena.

Cani affamatu nun temi vastuni.
Cane affamato non teme bastone.

Aviri la facci di salinaru.
Avere la faccia del venditore di sale

Dùnami sorti e nun mi dari sapiri.
Dammi fortuna e non darmi sapere.

A cavaddu gastimiatu ci luci lu pilu.
A cavallo maledetto gli splende il pelo.

Fari chiù dannu d’u’ sceccu intra l’uortu.
Fare più danno di un asino nell’orto.

Setti scanti pi ‘na ficu.
Tanta paura per un fico.

Cu’ voli va e cu’ nun voli manna.
Chi vuole va e chi non vuole manda.

Diu ni scanza di ‘n omu dabbeni
Di ci scampi da un uomo dabbene.

Amara cu’ sviluppa tardu!
Guardatevi da chi sviluppa tardi.

A cu’ ti leva lu pani levaci la vita.
Togli la vita a chi ti toglie il pane.

La muglieri d’atru pari sempri chiù bedda.
La moglie d’altri pare sempre più bella

La facci tosca havi la menza mancia ‘nchiusa
Lo sfrontato ha metà successo assicurato.

Tu si’ auguriu di vanedda e trièmulu di casa.
Tu sei il festoso animatore della strada e il terremoto per la casa.

Cu’ sta spranza d’atru e la pignata minti, va pi arriminari e ‘un trova nenti.
Chi spera negli altri e mette la pentola sul fuoco, va per rimescolare e non trova niente.

Diu ni scanza di cu’ havi un sulu pinsieru.
Dio ci scampi da chi ha un solo pensiero.

Va’ cùntala a Miecciu ca Mecciu la cunta arrieri a tia.
Va’, raccontala a Mecciu così Mecciu la racconta di nuovo a te.

Cùntala a to zi’ ‘Nirìa ca iè chiù farfanti di tia
Raccontala a tuo zio Andrea che è più bugiardo dite.

Scanzarisilla petri petri.
Scarnparsela per un pelo.

Forza di picciuotti e sintimientu di ranni.
Forza di giovani e senno di anziani.

Essiri cani ca ‘un canusci patrunì.
Essere cane che non conosce padrone.

Cavaddu ca curri sulu vinci la cursa.
Cavallo che corre solo vince la corsa.

Tu vua la vutti china e la muglieri ‘mbriaca.
Tu vuoi Ja mogli ubriaca e la botte piena.

Quannu lu gattu nun arriva a la saimi dici ca iè ahira.
Quando il gatto non arriva al lardo dice che è rancido.

Arbuli luongu... stèddalu di pedi.
Albero alto... taglialo dal piede.

Fari cuomu lu gattu ca chianci cu lu purmuni ‘n mucca.
Fare come il gatto che piange con il polmone in bocca.

Ittari setti cu ‘na manu.
Buttare sette con una sola mano.

Lu cavaddu gruossu ti leva di la caddata
Il cavallo robuto ti libera dal fango.

Pisciari intra l’uglialuoru senza ittarinni ‘na uccia.
Pisciare nell’oliera senza buttarne una goccia

Zeru, porta cuticchi, tutti cosi a magazzinu.
Zero porta ciottoli, tutto a magazzino

Vivirici sina ‘n capu lu scrusciu di lu carrettu.
Brindare persino per il rumore del carro.

Pi chissu ogni cientu vrigogni valinu ‘n onuri.
Per quel tale cento vergogne valgono quanto un onore


La prudenza,la pazienza e la rassegnazione

Stienni pedi quantu liettu teni.
Stendi piede quanto letto tiene.

Persi li muli e va circannu li capistra.
Ha perduto i muli e va cercando le cavezze.

Nuè avìa cent’anni e avìa a mintiri giudiziu.
Noè aveva cent’anni e doveva mettere giudizio.

Nun c’è a cu’ pruvari.
Non c’è chi provare.

Chistu uocchiu nun po’ vìdiri a chiddu uocchiu
Questo occhio non può vedere l’altro occhio.

Vucca ca nun parra si chiama cucuzza.
Bocca che non parla si chiama zucca.

Tiempu e maluttiempu nun dura tuttu tiempu
Tempo e maltempo non durano in eterno.

Tanta roba haiu ‘n Francia: la talìu e muoru di fami.
Ho tanta roba in Francia: la guardo e muoio di fame.

Chiovi sempri ‘n capu lu vagnatu.
Piove sempre sul bagnato.

Si dici lu piccatu ma no lu piccaturi.
Si dice il peccato, non il peccatore.

Quannu la furmicula fa l’ali.., mori.
Quando la formica fa le ali.., muore.

Quannu lu diavulu t’accarizza voli l’arma.
Quando il diavolo t’accarezza vuole l’anima.

Quannu la sorti non ti dici curcati ‘n terra e cuogli vavaluci.
Quando la fortuna non ti aiuta piegati a terra e raccogli lumache.

Quannu la sorti vo’ curcati e duormi.
Quando la fortuna vuole stenditi e dormi.

Penza la cosa mentri la fa’ cà mentri iè pinsata iè meglia chiossà.
Pensa la cosa mentre la fai chè se la pensi è migliore assai.

Nun sputari ‘n cielu cà ti torna ‘n facci.
Non sputare in cielo perchè ti torna in faccia.

Miegliu nìuru pani ca nìura fami.
Meglio nero pane che nera fame.

Miegliu solo ca ma mali accumpagnatu.
Meglio solo che male accompagnato.

‘Mpara l’arti e mintila di parti.
Impara l’arte e mettila da parte.

Mali nun fari e paura nun aviri.
Male non fare e paura non avrai.

Miegliu lu viecchiu pruvatu ca lu nuovu a pruvari.
Meglio il vecchio provato che il nuovo a provare.

Miegliu li tintu pruvatu ca lu buonu a pruvari.
Meglio la cattiva persona provata che il buono ancora da provare.

Cu’ lassa la via vecchia pi la nova sempri guai trova.
Chi lascia la via vecchia per la nuova sempre guai trova.

Morti e patrunu nun spiari quannu veni.
Morte e padrone non domandare quando vengono.

Ammuccia ammuccia ca tuttu pari.
Nascondi nascondi che tutto si vede.

La quartara rutta dura chiossà di chidda sana.
La quartara rotta dura di più di quella integra.

Li guai di la pignata li sapi la cucchiara.
I guai della pentola li conosce il cucchiaio.

Inchiti la panza,anchi ca ti l’avissitu a ìnchiri di spini.
Riempiti la pancia,a costo di riempirtela di spine.

Fùiri iè vrigogna ma iè sarbamientu di vita
Fuggire è vergogna ma è salvezza della vita

Càlati, iunciu, cà passa la china.
Piegati giunco, ché passa lo piena.

Cu’ si curca cu li picciliddi a la matina si susi pisciatu.
Chi dorme con i bambini la mattina dopo si alza pisciato.

Cu’ sparti havi la meglia parti.
Chi divide ha la parte migliore.

Cu lu tiempu e cu la paglia s’ammaturanu li ‘nsorbi.
Col tempo e con la paglia maturano le sorbole.

Cu’ havi li terri e nun havi li vua tutti li guai su’ sua.
Chi ha le terre e non ha i buoi tutti i guai son suoi.

Cu’ camina cu li zuoppi all’annu zuppìa.
Chi cammina con gli zoppi all’anno zoppica.

Cu’ fa l’arti ca nun canusci li so dinari diventanu muschi.
Chi fa l’arte che non conosce i suoi soldi diventano mosche

Cu’ vinci havi sempri ragiuni.
Chi vince ha sempre ragione.

Cu’ nun ascuta la mamma cerva cazi cazi ci va la merda.
Chi non obbedisce a mamma cerva nei pantaloni gli va la merda.

Casuzza, casuzza, ognunu a la so casuzza.
Casetta, casetta, ognuno nella sua casetta.

Cu’ prima nun pensa all’urtimu suspira.
Chi prima non pensa all’ultimo sospira.

Cu’ accurza allonga e cu’ allonga accurza.
Chi accorcia allunga e chi allunga accorcia.

Cu’ di spranza campa dispiratu mori.
Chi di speranza campa disperato muore.

Cu’ all’annu voli arricchiri a li se’ misi iè poviru.
Chi nell’anno vuole arricchire entro sei mesi è povero.

Cu’ taci campa cent’anni ‘n paci.
Chi tace campa cent’anni in pace.

Ci su’ chiossà iorna ca caddozza di sazizza.
Ci son più giorni che pezzi di salsiccia

Miegliu l’uovu prima ca doppu la gaddina.
Meglio l’uovo prima che dopo la gallina.

Lu piru quannu iè fattu cadi sulu.
La pera quando è matura cade da sola.

Si ti cuntanu ‘na cosa nun ci ha crìdiri, si la vidi cu ’uocchi tua tu n’ha crìdiri ‘na mità.
Se ti raccontano una cosa non devi crederci, se la vedi con i tuoi occhi ne devi credere una metà.

Lu gaddu ci dissi a li gaddini:Iu tiempu si piglia cuomu veni.
Il gallo disse alle galline:il tempo si prende come viene.

Cu’ nasci tunnu nun mori quatratu
Chi nasce tondo non muore quadrato.

Cu’ cientu ni fa una n’aspetta.
Chi cento ne fa una ne aspetta.

Li guai ‘mparanu a chiànciri.
I guai insegnano a piangere.

A lu nimmicu prima d’attaccallu, pìsalu.
Il nemico, prima d’attaccar1o, pesalo bene.

Nun diri mai di fari chiddu ca nun po’ fari.
Non dire mai di fare quello che non puoi fare.

Scippari hanghi senza duluri.
Cavar denti senza dolore.

Amara a cu’ perdi pi ghiri circannu.
Guai a chi perde perchè va cercando.

Nun sacciu nenti, nun vitti nenti, picchì nun c’era e si c’era durmìa.
Non so niente, non ho visto niente, perchè non c’ero e se c’ero dormivo.

Lu liebbru ci dissi a lu cunigliu: nuddu arricchisci cu lu so travagliu.
La lepre disse al coniglio:nessuno arricchisce col suo lavoro.

Cu’ cumanna fa liggi.
Chi comanda fa la legge.

L’acqua ca si vivi nun s’allorda.
L’acqua che si beve non si sporca.

A la fini di la missa si canta " Lu gloria ".
Alla fine della messa si canta " Il gloria ".

Sugnu ‘ccussì scannaliatu ca mi scadu cu l’acqua fridda.
Sono così scottato che mi scotto con’l’acqua fredda.

Si’ cuomu u’ bieddu spicchiu di ménnula amara
Sei come un bello spicchio di mandorla amara.

Vucca amara ietta feli.
Bocca amara getta fiele.

Acqua passata nun macina mulinu.
Con l’acqua passata non macina il mulino.

Atu vistu lu munnu vutatu: la piecura si mancià lu lupu.
Avete visto il mondo capovolto:la pecora ha mangiato il lupo.

Cappedda e maluppassu... passaci d’arrassu.
Cappelli (di signori) e passi pericolosi... passaci lontano.

La vucca conza e guasta.
La bocca aggiusta e guasta.

La lingua nun havi uossu e rumpi l’ossa.
La lingua non ha osso e rompe le ossa.

Santu ‘nzerta e santu sgarra
Santo indovina e santo sbaglia.

L’omu quannu iè omu hav’a canusciri lu partitu.
L’uomo quando è uomo deve saper con chi si mette.

La scuzzara doppu settant’anni acchianà u’ scaluni e dissi:

maliditta la prescia!
La tartaruga dopo settant’anni salì un gradino e disse:

maledetta la fretta!

Panza ranni e vuoca piccidda.
Stomaco grande e bocca piccola.

Ricòrdati ca lu dottu va sempri a l’appedi mentri lu sceccu va sempri a cavaddu.
Ricordati che il dotto va sempre a piedi mentre l’asino va sempre a cavallo.

Facci ca nun iè vista iè disiata.
Faccia che non è vista è desiderata.

Sbirri, bagasci e cani quannu su’ viecchi muorinu di fami.
Spìe, puttane e cani quando son vecchi muoiono di fame.

Nun tantu aduci ca ognunu ti suca, nun tantu amaru ca gnunu ti caca.
Nun tanto dolce che ognuno ti succhia, nuntanto amaro che ognuno ti caca.

Si un pua vìnciri cerca paci.
Se non puoi vincere cerca pace.

Cu’ si senti pùnciri nesci, fora.
Chi si sente pungere esca fuori.

Quannu vidi ca lu passu iè malu piglia li ridini di lu mulu
Quando vedi che il passo è pericoloso prendi le redini del mulo.

Pacienzia ci voli a li burrasche cà nun si mancia meli senza muschi.
Pazienza ci vuoi nelle burrasche chè non si mangia miele senza mosche.

Di grana e santità n’ha crìdiri la mità di la mità di la mità.
Di ricchezze e virtù devi credere metà della metà della metà.

Penza a lu mali ca beni ti veni.
Penza al male che bene te ne viene.

Miegliu èssiri testa di sarda ca cuda di pisci.
Meglio essere testa di sarda che coda di pesce.

Quantu si piglia cu ‘na goccia di meli nun si piglia cu ‘na vutti d’acitu.
Quanto si prende con una goccia di miele non si prende con una botte di aceto.

A lu pisciari ti ni addùni.
Nel pisciare te ne accorgerai.

Si nun iè pani iè guastedda.
Se non è pane è focaccia.

A passu arrubatu... passaci sicuru.
Per il passo rapinato... passaci sicuro.

Fari cuomu li crasti di Pasqua.
Fare come gli agnelli di Pasqua.

Li mura hanun l’uocchi e li ‘ntroffi hanu li uricchi.
I muri hanno occhi e i cespugli hanno orecchi

Arristari cuomu lu scravacchiu a mienzu la stuppa ca nun potti nè fùiri nè scappari.
Restare come lo scarafaggio nella stoppa che non potè nè fuggire nè scappare.

Unna mi mintu mintu fazzu sparu.
Dovunque mi metto faccio dispari.

I rici intra petra.
Andarci di mezzo.

Truvari u’ rizzu cuomu ‘na coffa.
Trovare un riccio come un paniere.

Di ‘st’erba si fa la scupa ma non di ‘sta macchia.
Con questa erba si fa la scopa. ma non con questo cespuglio.

Càlati la testa ‘n terra e cuogli spichi.
Piegati la testa a terra e raccogli spighe.






Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu